Le nostre liriche

GARA DEI TAMBURINI 2004

Araldi del Matiggia,
vigorosi e fieri
mostrate il vostro valore
agli altri due terzieri!

Mostrate lo coraggio
mostrateci l’ardore
col suono che ribatte
diritto in fondo al core,

e sempre ci accompagna
potente e risoluto
e mai non cede il passo
né mai richiede aiuto,

e quando nella valle
s’appresta la battaglia
e quando malasorte
tutte le cose abbaglia
se il destino si ribella,
e fortuna ci è nemica,
se spada sulla testa
pende come cosa antica,

pur sempre come padre
che sui figli può contare,
nell’animo mio affranto
come vostro priore,

confido fieramente,
confido e mai non smetto,
nella gioventù vostra,
nel vostro ardente affetto,

e insieme a tutto il popolo
ci stringiamo a voi vicini

ARRIDA A VOI VITTORIA
MIEI PRODI TAMBURINI!

TELECRONACA DI UN TRIONFO

Ecco avanzano le genti de lo Piano
con gli occhi rossi e con il cuore in mano
Anche quest’anno infatti è stato vano
tutto ‘stu corre, e pua j’è parso strano
arrià secondi, che destino molesto.
Avete festeggiato troppo presto.

E mò che la vittoria tarda e langue
camminono cò la cova tra le zampe!

Quill’antri de Castellu cò la boria so impastati
da sempre, cumincianno da li tempi andati
Pocu a pocu se so visti de sgonfiasse
Arvonno a casa cò le recchie basse

Ma vui, corridori Matigghiani
come quillu che c'ha l'asse tra le mani
de loro non ve sete mai curati
L’occhi vostri mai so stati disperati
Coraggio, petto saldo e lucida mente
non c’iate proprio paura de gnente
Attaccata la trazione integrale
su pè la salita ete missu l’ale

E’ stata ‘na vittoria commovente
Un’emozione forte, infinitamente
Ora il popolo di orgoglio si è gonfiato
archiviato anche questo risultato
tutti guardamo avanti e v’abbracciamo.
Mò che ce stete, ‘n’antr’anno replicamo!

INVITO ALLE TAVERNE 2006

Gente de Trevi, or che tutto tace
devo dì che 'n po' me ce dispiace
e quaci non sapria che fane
quanno arcontono tutte 'ste panzane

"venete a magnà qui, ch'é bonu che te schiatti".
Venete n'accidente che ve spacchi!
Ma dicetejelu vui dà 'sti zuccuni
chi sa cucinà per dero piatti boni!

Quann'è ora de magnà, de Piano o Trevi
ce li trovamo tutti tra li piedi!
Comm'è - direte vui - sta storia magra?
E qui ci sta quarcosa che non quadra!

'n sarà per caso che 'ste du' taverne
te fonno vedè lucciole per lanterne?
Non è per caso che dà tanta jente
lu magnà vostru no je sa bonu per gnente?

Gira che t'arvorda che te frigghje
Girate tutti a jì verso Matigghje!
Lu selleru in mano a Porverone
dà retta a me 'n ci stà paragone
'n ta la cucina lu vidi commatte
Vidissi quanto è sverdu a preparatte

All'urdimo anche quilli tassi
Magnono tuttu e se leccono li baffi
E anche quelle poche quattro scale
che hai da fa pe' venicce a trovane
te fonno vene anche a venì su
diggerisci e nun ce pinzi più!

E alla fine de 'sta bella chiacchierata
Visto che l'ora de cena è trapassata
Sarebbe bene de no stacce più a penzà
Arrota li denti e vence a trovà!

Terziere matiggia - tutti i diritti riservati